Storia di un abito da sposa

23 Set

sposa3.jpg

Il 6 Agosto 2016 è una data che resterà impressa e tatuata nel mio cuore e nella mia mente per sempre. In questa data infatti è avvenuto il mio matrimonio con Davide, mio marito. Un giorno tanto atteso e che ci ha riempiti di gioia, euforia, adrenalina. Un giorno per il quale bisogna pensare e provvedere anche ai più piccoli dettagli perchè il tutto sia perfetto e faccia restare nella memoria di tutti, sposi e invitati, questo momento come ricordo indelebile.

sposa6

Si comincia già molti mesi prima a pensare a come organizzare il tutto, dove andare, cosa fare, come intrattenere gli invitati, a quali fiori scegliere. Si comincia molti mesi prima a decidere e valutare quale sarà l’abito di quel giorno da favola. Così è stato anche per me: sfogliavo riviste, surfavo su internet… mi immaginavo in bianco, in rosa, in azzurro… in lungo, svasato, a sirena, effetto bomboniera… ma non  ritrovavo mai me stessa in nessuna possibile opzione.

sposa14

Finchè, per caso, un bel giorno incappai in un semplice abitino a crochet. Un po’ stile boho/chic, con richiami hippies. Total white. Il pattern per la realizzazione l’ho acquistai in inglese, e ovviamente durante la lavorazione lo adattai al mio fisico e feci varie modifiche, tra cui la scollatura e la lunghezza, oltre alla lunga allacciatura di bottoncini che aggiunsi sulla schiena.

Trovato il filato adatto ho subito iniziato nella lavorazione delle piastrelle: tante rotonde e tantissime, piccole, piastrelline quadrate. Il tutto in un rebus di incastri che ha dato pian piano vita al mio ABITO DA SPOSA.

sposa8

sposa1

Dopo un paio di righe di piastrelle, ho voluto subito creare il bordo inferiore dell’abito in modo che, provandolo, potessi calcolare la giusta lunghezza del vestito stesso.

sposa19

Ho utilizzato la lavorazione della gonna con un uncinetto un po’ più spessorato fino al punto vita, dopodichè sono dovuta passare ad un più sottile uncino, in modo da creare la sciancratura giusta.

La parte senz’altro più complicata è stata quella della scollatura e della sagomatura dei girimanica: ad ogni piastrella unita, necessitava una prova indossata, per verificare che tutto scorresse nel modo giusto!

In ogni caso, anche la manica assunse pian piano la forma desiderata. Sul bordo riporta lo stesso motivo finale della gonna, più breve. Sotto la manica le piastrelle sono unite da una rete di punti all’uncinetto: l’ideale per una giornata di agosto!

In contemporanea all’uso di un uncinetto più sottile dal punto vita in su, proprio da questo punto, sul retro del vestito, ho dovuto iniziare una lavorazione diversa a quella circolare della gonna. Ho infatti voluto creare una lunga apertura dove sarebbero in seguito stati posizionati tanti piccoli bottoni, ricoperti con lo stesso raso di seta utilizzato per foderare l’abito. Inoltre, a composizione finita, il vestito è stato interamente bordato da piccoli ventaglietti su scollo e apertura posteriore, con relativa composizione degli occhielli.

E’ stata una grandissima soddisfazione per me l’aver realizzato il mio abito per questa importante giornata. E grande è stata la felicità nel vedere che ogni misura, accuratamente presa, mi ha calzato alla perfezione!

sposa5

Il nostro fiore è stato il GIRASOLE, unito a velo da sposa e Lisanthius Bianco. Lo stesso scelto per l’acconciatura: una lunga treccia laterale, in stile seventies con l’abito.

Una giornata indimenticabile, in cui due cuori, i nostri cuori, si sono uniti per l’eternità.

 

 

MORGANA

21 Set

21 Settembre: primo giorno d’autunno. Le scuole sono riniziate, il traffico è in tilt. Piove e le temperature sono in calo. Ma di tutto questo vediamo il lato positivo: finalmente è giunto il momento di pensare al nostro guardaroba invernale! E quindi di creare nuovi capi caldi da sferruzzare per la stagione fredda ormai alle porte!

morgana1_tws_web

MORGANA è nato proprio pensando alle mie esigenze personali: lo scorso inverno sentivo la mancanza di un cardigan caldo ed avvolgente, quello che ti può scaldare nei primi freddi (usato come un cappottino) e che ti accompagna per tutti i mesi invernali, in ambienti interni ed esterni. Morgana mi fa venire voglia di casa, di famiglia e di una bella tazza di cioccolata calda!😉

morgana4_tws_web

Tornando a noi, ho creato questo cardigan con un design molto semplice da realizzare: il davanti e il dietro sono pezzi unici, assemblati in seguito. Maniche e collo a scialle sono invece realizzati col ferro circolare. Le prime, per non avere la scomoda cucitura sotto le braccia. Il secondo, perchè molto ampio, necessita l’uso del circolare per accomodarci numerosi punti.

morgana14_tws_web

Ho voluto miscelare il filato di lana 100% con un sottile filo di Mohair, per donargli una morbidezza infinita. L’ampio collo è stato la parte più lunga del progetto… ma ne è valso sicuramente il lavoro!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Diamante

20 Set

Si dice che i diamanti siano i migliori amici delle donne. A me basta qualche gomitolo di lana per essere felice… e il mio DIAMANTE me lo sono creata in lana!

Avevo voglia di un progetto semplice ma nel contempo elegante, basic e sfruttabile. Dopo qualche esperimento, ecco la nascita del mio DIAMANTE: un coprispalle che mi potrà accompagnare per tutta la stagione autunno/inverno 2016/17!

holem6_tws_ok

La lavorazione centrale a maglia rasata enfatizza la bellezza del filato che ho scelto per la lavorazione di questo capo: SHANGAI. Questo filato, della Filatura di Tollegno, meglio nota come LANA GATTO (da sempre riconosciuta a livello mondiale per l’alta qualità dei suoi prodotti) si compone di un solo 4% di lana, con l’aggiunta della preziosa ALPACA e una percentuale di Viscosa che dona al filato un aspetto leggermente luccicante, rendendo i colori con effetto quasi metallizzato.

 

Quale capo migliore per le Feste dicembrine? Ogni colore è unico nel suo genere e saprà rappresentare al meglio il proprio stile personale, portando allegria ed eleganza al solitamente scuro guardaroba invernale.

DIAMANTE sarà il progetto che insegneremo al CORSO BASE della nostra The Wool School il 1° di ottobre!

Una volta appresa la tecnica di esecuzione, sarà divertente realizzare questo versatile capo in tante altre varianti. Io ho già testato la sua esecuzione con un altro filato by Lana Gatto: COGNE. Un filato più spessorato che richiede l’uso di ferri più grandi. In questo caso l’ho tricottato di misura più ampia e avvolgente, da portare comodamente anche con i leggings o sopra un abitino. Anche COGNE ha sfumature metalliche, meno incidenti di SHANGAI, per un uso più sportivo ma con un nonsochè di unico.

holen3_tws_web

Dal mese di Ottobre troverete in vendita sul nostro sito le relative spiegazioni per realizzare un pezzo del vostro guardaroba di cui non riuscirete più a fare a meno: un DIAMANTE, un pezzo insostituibile oltre che unico per il fatto che lo eseguirete con le vostre stesse mani!

 

 

Salva

Salva

START UP!

19 Set

Iniziano i corsi presso la nostra THE WOOL SCHOOL!

Per tutte coloro che vorrebbero avvicinarsi al mondo del “lavoro a maglia” e per tutte le esperte che vogliono rispolverare l’arte, abbiamo posto le date per il primo corso dell’autunno / inverno 2016/17!

THEWOOLSCHOOL_ott_DIAMANTE.jpg
CORSO BASE: il coprispalle DIAMANTE
DATE:
il corso si svolgerà in due lezioni. L’1 e il 22 Ottobre, dalla ore 15,00 alle ore 18,00
DOVE:
presso il laboratorio di The Wool Shop, in via Parini 14 a Macherio (MB)
COSTO:
euro 55,00 a persona
COSA COMPRENDE LA QUOTA:
L’iscrizione ti darà diritto a partecipare alle 2 lezioni, al materiale (350 gr del filato SHANGAI – 70% viscosa / 26% Alpaca / 4% Lana – della filatura Lana gatto) e alle spiegazioni cartacee che potrai conservare.colori_diamante

COLORI :
– Argento
– Bronzo
– Zaffiro (blu)
– Diamante (nero)
– Smeraldo
– Acquamarina

I ferri n° 8 non sono inclusi nel prezzo ma, a tua scelta, acquistabili in loco.
COSA IMPARERAI?
Imparerai a mettere le tue prime maglie sul ferro e ad eseguire i principali punti base. Imparerai come misurare il tuo lavoro sui ferri, come giuntare i nuovi gomitoli e come chiudere i punti a lavoro terminato. Inoltre, potrai capire come cucire due pezzi insieme con una tecnica che renderà “invisibile” la cucitura!

Ed oltre a tutto questo, passerai piacevoli ore in compagnia di donne che come te amano il tricot e i filati, chiacchierando e facendo nuove amicizie! A metà pomeriggio ci sarà una pausa dove verrà offerto del thè caldo e biscotti!

COME ISCRIVERSI:
Basterà mandare una mail a info@metamorphosy.it col tuo nome, telefono e la preferenza di colore in cui vuoi realizzare il progetto. ENTRO E NON OLTRE il 30 SETTEMBRE!

Christmas col sole

9 Set

Penserete che forse è un po’ presto per pensare già ai regali di Natale. Ma se volete donare a chi amate qualcosa creato con le vostre mani dovete partire in anticipo perchè essere “artigiani” richiede tempo e pazienza!!!

cdt4tws_web

Pochi giorni fa abbiamo condiviso con voi sui nostri social le foto delle tovagliette per la colazione “Breakfast @ Tiffany’s”: una semplice e fattibilissima idea regalo natalizia per la casa. Acquistando subito 3 gomitoli (il necessario per realizzare 1 tovaglietta) del nostro BIG COTTON (tra l’altro scontato fino al 30 settembre a euro 2,64: contattateci per maggiori informazioni a info@metamorphosy.it)) avrete subito in regalo le spiegazioni by THE WOOL SHOP!! Sempre che, prese dall’impazienza, non le vogliate acquistare già belle e fatte!!!

cdt1_tws

Ma torniamo a pensare ai doni per Natale: ci sono varie opzioni per creare regali inaspettati e graditi abbinando a passioni personali accessori fatti a mano.

  1. Le tovagliette per la colazione, ad esempio, le potrete regalare da sole: a coppie dello stesso colore oppure ognuna diversa dall’altra per portare gioia e colore nelle prime ore del mattino!

    2. Potrete semplicemente abbinare alle tovagliette delle tazze, oppure un libro di cucina… o entrambi!!!! Sarà un regalo apprezzatissimo!

    3. Ricoprite le tazze con uno scaldamani fatto da voi! Abbinatele con dei biscotti da pasticceria e anche i più golosi saranno felici!REGALO_WMC_2_TWS.jpg

4. Papà, cugino o l’amico di sempre sono amanti della montagna e delle passeggiate sui monti? L’idea giusta è un bel cappello di lana per scaldarsi dall’aria gelida e un libro di un escursionista da leggere nelle pause!

Salva

20 buone ragioni per imparare a fare a maglia

30 Ago

Oggi voglio tradurre per chi è meno pratica con l’inglese un bellissimo articolo tratto dal giornale britannico on-line METRO: 20 buoni motivi per imparare l’arte del tricot!

169707543

Prendi due ferri e un gomitolo o due di lana e in poco tempo potrai trasformarli in qualcosa di strabiliante.

Fare a maglia è un ottimo hobby antinoia, ma se questa ragione non ti bastasse, qui ce ne sono un paio per le quali, se non l’hai già fatto, si dovrebbe imparare a lavorare a maglia …

1. In un negozio vedi un capo di maglia che vorresti assolutamente avere, ma è fuori dalla tua portata di prezzo. Nessun problema: lo puoi far da te!

2. Le mercerie e i negozi di lana sono uno dei posti più belli del mondo. Visitane uno il più frequentemente possibile!

3. Così tanto filato e così poco tempo. Il mondo necessita di più donne che pratichino l’arte del tricot in modo da usarne di più e avanzarne meno.

4. Dopo la gioia dell’acquisto del filato ci sono molte altre opportunità di rivivivere questa sensazione, ad esempio comprando dei bei bottoni. Prova almeno una volta a scegliere e acquistare bottoni per il tuo progetto. Fallo. Non tornerai più indietro!

5. I modelli di maglia sono eterni. Spulcia tra i modelli del negozio a te più vicino, potrai trovare colli alti degli anni ’50, cappe a pipistrello degli anni ’70 o cardigan morbidi degli ’80.shutterstock_41175625.jpg

6. E’ facile. O meglio, lo può essere. Le nozioni base sono un gioco da ragazzi, poi aggiungendoci pratica, le tue capacità cresceranno  e molto presto avrai più confidenza coi ferri.

7. Non sarai mai a corto di cose da fare nei lunghi viaggi. Infatti, un lungo tragitto in treno è l’opportunità perfetta per iniziare il tuo nuovo progetto!

8. Puoi fare nuove conoscenze e amicizie durante le lezioni di maglia.

9. Pui intraprendere una nuova attività: magari aprendo il tuo negozio su Etsy mostrando la tua ultima copertina o scaldacollo e iniziare a chiamare te stessa imprenditrice!

10. Sferruzza qualcosa per un neonato e i suoi genitori lo considereranno il regalo più apprezzato. Mentre la maggior parte di doni sarà poi venduta su eBay, il tuo scaldacuore fatto a mano finirà dritto nella scatola dei ricordi!

shutterstock_46436440.jpg

11. Nessun altro capo di abbigliamento è fatto con più amore se non quello che hai tricottato con le tue stesse mani per tuo figlio.

12. I giocattoli fatti a maglia sono molto kitsch e assolutamente fantastici!

13. Natale sarà pieno di regali pensati e fatti da te, per tutta la famiglia: dal copritazza per la nonna alla fodera per iPad pe la sorella maggiore.

14. Quando la gente saprà che lavori a maglia penserà subito che sei super intelligente e saranno senz’altro gelosi di questa tua capacità!

15. Fai a maglia nei posti più svariati: nella tua stanza, sulla panchina di un parco o sui mezzi andando al lavoro. La gente penserà che sei alternativa e molto cool!

yarn-day

16. Non uscirai mai di casa con il timore di vedere il tuo stesso capo indossato anche da altri. I capi fatti da te saranno unici e inimitabili!

17. Chi lavora a maglia, nel contempo pratica meditazione, ogni volta. Sedersi con una tazza di thè e le gambe alzate, sferruzzando il tuo progetto, è la migliore formula di terapia antistress!

shutterstock_54056329

18. Puoi aiutare a fare esplodere di colori la tua città con lo yarn-bombing, abbellendo aree dismesse con lavorazioni a maglia e uncinetto …e magari vedere le tue opere anche sul quotidiano del giorno dopo.

19. Manterrai nella tua generazione un’antica tradizione secolare.

20. Avrai un’arte bellissima e utile da tramandare ai tuoi figli.

 

Giuditta

27 Lug

 

giuditta5

Il compleanno di una bellissima bimba si avvicina. Il suo sogno è quello di fare l’ostetrica da grande e così, nell’ardua decisione se preparare per lei un peluche oppura una bambola, è ovviamente prevalsa la scelta sulla B-A-M-B-O-L-A!!!!!

Ho fatto una veloce “surfata” sul web per farmi un’idea di come si realizzano queste meraviglie di altri tempi e se optare per i ferri o l’uncinetto… Alla fine ha vinto l’uncinetto, più poliedrico e maggior fruitore di forme e dettagli.

giuditta1

Eccomi quindi a cimentarmi nella creazione del corpo: partendo dalla testa e scendendo per il tronco. Un sorriso era d’obbligo sul viso per darle già una simil-fattezza umana e un’aria solare e positiva :-)  Poi sono passata a realizzare le braccia, per le mani ho scelto di non dedicarmi alla formazione di tutte le dita, ma lasciare la forma maggiormente semplificata e più “baby”.

giuditta2

Ai piedi la mia GIUDITTA porta due bei sandali fuxia, guarniti da laccetto e bottoncino. Sulle gambe si scoprono due lunghi calzettoni rigati alla Pippi Calzelunghe!

La parte divertente è stato scegliere i colori per vestirla e le forme del suo abitino. Essendo per una bambina romantica ho pensato di restare sul tema dei fiori, realizzando prima la maglietta bianca con i ferri da calza : la sua esecuzione è tale e quale a quella di un pull per “umani”. Ho eseguito il davanti, il dietro e le maniche, assemblando in seguito i pezzi e lasciando due bottoncini sul retro, che danno modo di sfilare il miniabito. GIUDITTA infatti è svestibile e si possono alternare anche dei vestitini diversi per ogni occasione!

Una volta finita la t-shirt ho continuato con l’uncinetto, riprendendo punti proprio dalla micro maglietta, e continuando nella creazione di una gonnellina scampanata che richiama la forma di una rosa, nello stesso colore delle scarpe.

Infine ho arricchito il tutto con microfiorellini bianchi sulla gonna e uno, un po’ più grosso, sulla maglia.

giuditta3

Tocca ora all’acconciatura. Opto per il biondo che rende la bambola più dolce, anche se avrei voluto azzardare un colore più estremo, come il verde o il fuxia. Per i capelli è sufficiente tagliare tanti fili e infilarli con l’aiuto dell’uncinetto nella cute della testa.

Per ultimo, l’espressione di GIUDITTA è ottenuta con due occhioni che si muovono, acquistabili in merceria, e con l’aggiunta di qualche ciglia scura e di un paio di sopracciglia chiare, adatte ad una bionda🙂

Ed ecco finita la nuova compagna di avventure di Greta!!!!

giuditta4

Il successo è stato grande e mi è piaciuto talmente tanto realizzare qualcosa che renda felice una bambina, che ho deciso di introdurre questo tipo di bambola nel catalogo di vendita del  mio atelier.

Potete ordinare la vostra bambola unica e irripetibile scegliendo da voi i colori, l’abbigliamento e i vari dettagli!!! La bambola, in piedi, è alta all’incirca 45 cm.

Opta per un regalo inimitabile e introvabile!!! Contattatemi  per maggiori informazioni sulla mail: info@metamorphosy.it

Vestiamo il giardino con gli OUTSIDERS

29 Giu

cuscini5

Ci sono molti modi di ingegnarsi a creare qualcosa anche in estate, sferruzzando sui ferri da calza! Perchè oltre che a pensare ad accessori e capi per il nostro guardaroba, possiamo pensare anche ad abbellire la nostra casa e le zone esterne, quali giardino e terrazzi!

 

Io ho voluto fare dei nuovi copricuscini per il mio giardino, utilizzando il filato BIG COTTON, abbastanza spessorato e di bellissima resa, nei colori che caratterizzano la mia casa: turchese e verde! Ho creato le nuove federe utilizzando l’imbottitura già in mio possesso, di circa cm 43 x 34 e di spessore di cm. 2. Ma qualsiasi sia la forma dell’interno del vostro cuscino potrete sbizzarrirvi a ricoprirla in tinta unita, a righe, con disegni jaquard o come più vi piace!

Qui sotto trovate i passi da seguire se volete realizzare i cuscini come i miei, di forma rettangolare.

cuscini2

CUSCINO per GIARDINO – OUTSIDERS

Occorrente per realizzare 1 cuscino:

  • 150 gr di filato BIG COTTON nel colore A
  • 50 gr di filato BIG COTTON nel colore B
  • ferri numero 6
  • imbottitura per cuscini
  • 4 bottoni

Per realizzare il copricuscino, si realizzano due rettangoli di diverse dimensioni: quello sopra di cm 43 x 34 e quello sotto di cm 40 x 30. In questo modo, si avrà la parte con gli occhielli risvoltata su quella dietro con i bottoni e la seduta sarà più comoda.

DAVANTI: con i f. 6 avv. 48 m. utilizzando il colore A e lav. a m. rasata per 20 f. Proseguire quindi con i cambi di colore per creare le righe:

  • Con il colore B lav. 2 f.
  • Con il colore A lav. 4 f.
  • Con il colore B lav. 8 f.
  • Con il colore A lav. 4 f.
  • Con il colore B lav. 2 f.
  • Con il colore A lav. 18 f.

Nel corso del 19° f. lavorare gli occhielli:

Lav. 6 m. a dir.; 2 m. ins.; 1 gett.; 9 m. a dir.; 2 m. ins.; 1 gett.; 10 m. a dir.; 1 gett.; 2 m. ins.; 9 m. a dir.; 1 gett.; 2 m. ins.; 6 m. a dir.

Nella riga successiva lavorare tutte le maglie a rovescio, quindi chiudere tutte le maglie.

DIETRO:Con i ferri 6 e il filato nel colore A avv. 44 m. e lav. 52 f a m. rasata. Chiudere tutte le maglie.

cuscini3

FINITURE:

Cucire tre lati, lasciando aperta la parte dove infileremo l’imbottitura e dove andranno posizionati i bottoni. Il margine libero verrà girato in sotto e, in corrispondenza degli occhielli, attaccheremo i 4 bottoni. Per i legacci da utilizzare per legare il cuscino alla sedia, tagliare 6 fili per legaccio di circa 40 cm, piegarli a metà e inserirli come per creare una frangia all’angolo esterno. Dai 6 fili creare quindi 2 treccine.

cuscini4

 

Sorrento

22 Giu

SORRENTO4TWS_web

Per l’estate 2016 abbiamo pensato ad una t-shirt realizzata a mano con un  bellissimo punto traforato sul davanti. Già leggera di per sè, grazie al filato italiano in cotone/lino, questa lavorazione la rende ancor più fresca e adatta anche in città nei mesi più caldi!

Per la sua realizzazione abbiamo scelto la tonalità del ROSA QUARZO, colore tendenza per questa stagione. Un punto dopo l’altro, da questo bellissimo filato, nascerà una sequenza di sfumature che creano un bellissimo effetto mimetico.

SORRENTO6TWS_web

Realizzata in un unico pezzo, questa t-shirt è un progetto adatto anche alle meno esperte, per la facilità della sua esecuzione. I bordi di collo e maniche vengono eseguiti con l’uso del ferro circolare per una finitura più pulita.

Acquista subito il pattern sul nostro sito!

SORRENTO1TWS_web

LIVELLO DIFFICOLTA’:

  • Intermedio

CAPACITA’ RICHIESTE per la realizzazione di SORRENTO:

  • Avvio e Chiusura Maglie
  • Maglia Rasata
  • Punto Traforato
  • Uso del ferro circolare
  • Cucire e assemblare

TAGLIE PROPOSTE:  xs, s, m

OCCORRENTE:

  • 200 (250)  ((300)) grammi di SAINT TROPEZ by Lana Gatto ( a seconda della taglia)
  • ferri n° 5
  • ferri circolari n° 4,5
  • spilla raccoglimaglie

 

Sapore di mare…

30 Mag

casa-mare1

Sapore di sale!  E per l’ora del pranzo nella casa al mare l’ideale sono le nostre tovagliette BLU come l’acqua dell’oceano!!! Realizzate con il filato  BIG COTTON, lavorando sui ferri e rifinendole con l’uncinetto per creare un bella bordura contenitiva.

Sono bellissime in tutti i colori, ma questo BLU in particolar modo ci ricorda l’acqua cristallina, il colore del cielo d’estate, le case bianche e blu della Grecia e le caratteristiche abitazioni di Sorrento. Non possono mancare nel tuo rifugio marittimo!

living-room-e-sala-da-pranzo

 

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: